Sunday Blues

Le 16,13 di domenica sono l’inizio della fine del weekend:
è l’ora in cui si viene colpiti dal cosiddetto «Sunday Blues», cioè da un senso di tristezza che ci fa preoccupare per la settimana che verrà prima ancora che quella in corso sia finita.

Secondo un sondaggio condotto dalla catena alberghiera «Premier Inn» colpisce il 41% dei britannici. La domenica dovrebbe essere il giorno dedicato al relax e al divertimento, invece c’è chi trascorre questa giornata preoccupandosi per il lavoro della settimana e trasformando di fatto la domenica nel giorno più temuto.

Per non essere colpiti dal Sunday Blues e sentirsi tristi e depressi, basterebbe pianificare in anticipo cosa fare durante questa giornata, così da renderla più interessante e meno noiosa, stare in mezzo alle persone e non rimanere soli coi propri (negativi) pensieri.

Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

Non ricoverarti nel weekend

Uno studio britannico, condotta all’University College di Londra e le Università di Birmingham e dell’East Anglia e pubblicato sul Journal of the Royal Society of Medicine, ha scoperto che i malati hanno il 16% in più di rischio di morire se vengono ricoverati di domenica, rispetto ai giorni a metà della settimana.
La revisione ha esaminato tutti i ricoveri in un anno (più di 14 milioni, sia d’emergenza che programmati) negli ospedali del Servizio sanitario inglese. Il ricovero da martedì a venerdì è stato associato con il più basso rischio di morte ospedaliera, mentre quello di domenica con il pericolo più alto.
Dietro questo fenomeno potrebbero celarsi ragioni diverse; fra cui anche il fatto che i pazienti che arrivano nelle strutture durante il weekend potrebbero essere in condizioni più gravi, altrimenti magari avrebbero aspettato qualche giorno, rinviando il ricovero ai giorni feriali. Ma forse anche il fatto che nel weekend lo staff sia ridotto e ci siano più ‘dottorini’ e meno medici esperti, insieme a una maggior difficoltà nell’accedere ai test diagnostici.

Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: