Terremoto, ancora paura nel centro Italia

Terremoto_03

Alle 3.36 del 24 agosto, una scossa di magnitudo 6 ha colpito il centro Italia, con epicentro ad Accumoli, in provincia di Rieti, devastando i centri di Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto, Pescara sul Tronto e molte piccole frazioni. Il bilancio è di 294 vittime accertate.

Terremoto_01

Le rovine di questi paesi hanno rivelato come erano fatti gli edifici pubblici e le case situate in “zona 1”, l’area di massima allerta sismica sulle mappe dei geologi. Si è capito il rischio corso per anni dai bambini della scuola Capranica, dai dipendenti del municipio venuto giù, dai pazienti dell’ospedale “Francesco Grifoni” alle porte di Amatrice.
Dal 2009 si aspetta l’adeguamento sismico ritenuto, dopo il terremoto dell’Aquila, “urgentissimo e indifferibile”.

Terremoto_02
~ ° ~

Le catastrofi fanno sempre emergere il meglio e il peggio dell’umanità. Nella prima categoria ci sono quelli che vengono chiamati “angeli”, cioè le migliaia di volontari che in cambio di niente, spesso a spese proprie, si sono recati fin dalle prime ore della mattina del dopo-terremoto a scavare, salvare, nutrire, portare conforto alle vittime del terremoto. Sono le migliaia di persone che, senza indugio, hanno mandato soldi tramite persone e associazioni fidate, o attraverso un sms con addebito sulla scheda telefonica. L’organizzazione umanitaria Islamic Relief ha lavorato fianco a fianco con la Croce Rossa e l’Ordine di Malta: sono di origine egiziana, marocchina, tunisina e di fede musulmana, ma soprattutto sono cittadini italiani, e riferiscono di essere stati accolti benissimo.
Al secondo gruppo appartengono gli sciacalli, quelli che approfittano delle disgrazie altrui per rubare: furti tra le rovine delle case diroccate, alla ricerca di beni rimasti intatti alla violenza del terremoto. Numerosi sono stati i sospetti fermati e portati via prima che potessero essere linciati dalla folla.

~ ° ~

Dall’inizio della sequenza, dalle ore 03:36 italiane del 24 agosto, la Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha localizzato complessivamente oltre 4.300 eventi: 153 i terremoti di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0, 14 quelli localizzati di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0 ed uno di magnitudo maggiore di 5.0 (quello di magnitudo 5.4 (Mw 5.3) avvenuto il 24 agosto con alle ore 04:33 italiane nella zona di Norcia (PG).

Salute e …peggio nun nisse.

La paura della fatica

Una lattina di soda, di cola o un succo di frutta contengono fino a 250 calorie, pari a 16 cucchiaini di zucchero. Per smaltirla ci vogliono 50 minuti di corsa o 8 chilometri di camminata.
I ricercatori della Johns Hopkins University Blooomberg school di Baltimora hanno pubblicato sull’American journal of public health uno studio dove il 40% dei ragazzi fra i 12 e i 18 anni, informati di quanto avrebbero dovuto muoversi per “consumare” tutte le calorie contenute nelle bevande zuccherate che stavano per comprare, ha rinunciato a comprarsele. In quei supermercati le vendite delle bevande dolci sono calate del 54% mentre, contemporaneamente, gli acquisti dell’acqua minerale sono aumentate del 3%.

In pratica, per modificare le cattive abitudini alimentari degli adolescenti, un nuovo punto strategico potrà essere la paura della “fatica”.

Salute e …peggio nun nisse.

Stop violence against women


Si celebra oggi la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, un’occasione importante per sottolineare una battaglia contro un fenomeno di drammatica attualità, sempre più grave, tanto che anche se solo il 7,2% inoltra una denuncia all’autorità giudiziaria, i numeri che riguardano la violenza alle donne sono ancora terribili.
Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha ricordato che “più del 70% delle donne nel mondo ha subito violenza almeno una volta nella vita”.
In Italia negli ultimi sette anni sono state uccise 890 donne, mentre dall’inizio dell’anno, sono state 128 le vittime di femminicidio.
In Umbria negli ultimi dieci anni sono state circa 3500 le chiamate al telefono donna del centro pari opportunità della Regione; quasi 600 solo negli ultimi dieci mesi. Le donne che chiedono aiuto appartengono ad ogni fascia di età, con un picco tra i 35 e 45 anni.
La violenza si manifesta soprattutto in ambito familiare, in situazione di coppia stabili.
Con l’acuirsi della crisi sono nettamente aumentate le chiamate, e la mancanza di un’occupazione contribuisce a renderle più deboli, più facilmente ricattabili e dipendenti dal partner. Il senso di vergogna, l’umiliazione, la paura, l’annientamento, il timore di un giudizio sociale spesso spingono la donna a tacere.
E spesso la violenza si trasforma in femminicidio.

Salute e …peggio nun nisse.

Sharp London Bridge

Verrà inaugurato oggi, a 12 anni dalla sua ideazione, lo Sharp London Bridge, a pochi passi dalla City sulla sponda sud del Tamigi. 

Progettato dall’italiano Renzo Piano, lo Shard è una torre piramidale interamente rivestita in vetro alta 309,6 metri, suddivisi in 95 piani destinati a uffici, hotel, ristoranti e abitazioni private.
È l’edificio più alto d’Europa ed è visibile da quasi ogni parte della città; è stato finanziato dalla Qatar National Bank ed è costato 450 milioni di sterline.
Shard significa frammento e lo stesso Piano ha definito l’edificio come un “frammento di vetro”. 

L’accoglienza riservata da Londra e dai londinesi allo Sharp London Bridge non è delle migliori. Secondo i detrattori, l’edificio rovina completamente il panorama della città. É «troppo grande», «troppo fuori scala», «troppo a punta», «troppo moderno»…
C’è invece chi difende l’edificio ma contesta la posizione: alcuni vedrebbero bene lo Shard nel cuore di Dubai o di Kuwait City, meno nella vecchia e solenne Londra. Sotto accusa anche i costi di costruzione.

Piano ha riposto così alle critiche: «Da architetto, devo accettare il fatto di essere criticato. L’architettura stessa non si basa sull’armonia totale. … Non si viene contestati perché si sbaglia, ma perché le persone hanno paura del cambiamento. Ma se si è nel giusto, il merito del proprio lavoro, alla fine, verrà riconosciuto».

Salute e …peggio nun nisse.

Una voce per gli animali!

People for the Ethical Treatment of Animals (PETA)
vedi anche i precedenti post:
27 ottobre 2010
26 ottobre 2010

Elisabetta Canalis ha posato nuda per PETA, per una campagna anti-pelliccia e ha dichiarato con orgoglio che lei preferisce andare nuda piuttosto che indossare una pelliccia.

La Canalis ha detto: “Ho deciso di andare nuda perché penso che la nudità crea sempre una grande reazione. Questo è necessario per mantenere l’attenzione della gente su una pratica brutale. … Non comprare pellicce. Anche piccoli inserti nei guanti o sulla borsa o sulla tua giacca. … È necessario ricordare che gli animali non hanno voce. Dovete essere voi la loro voce. Non abbiate paura di parlare”.

Ogni pelliccia, cappotto, giubbotto, cappello, o accessorio con pelliccia causa una quantità incommensurabile di sofferenza agli animali. Volpi, visoni, conigli e persino cani e gatti sono randellati, calpestati, fulminati, e gasati a morte, e molti sono scuoiati mentre sono ancora in vita. Si può contribuire a porre fine a questa crudeltà inimmaginabile, scegliendo di non acquistare o indossare pellicce o ornamenti in pelliccia.

Salute e …peggio nun nisse.

Come aumentare le probabiltà di successo

Secondo uno studio di Sian Beilock e Gerardo Ramirez, psicologi dell’Università di Chicago (Usa) pubblicato sulla rivista Science, per evitare i flop dovuti all’ansia, basta scrivere le proprie emozioni su un foglio dieci minuti prima di affrontare la prova che ci mette in agitazione. Questo semplice compito libera la mente e le permette di concentrarsi al meglio.
Nel momento cruciale la paura di non farcela, il timore di essere giudicati e la timidezza possono giocare brutti tiri anche allo studente più diligente o al manager più esperto.
É stato ipotizzato che l’ansia compromette la memoria procedurale, che ha sede nella corteccia prefrontale e che normalmente utilizziamo quando dobbiamo svolgere compiti che prevedono l’elaborazione di informazioni acquisite. Lo stress toglierebbe energie al cervello, innescando anche un circolo vizioso in virtù del quale più ci si preoccupa e più alte sono le probabilità di fallire. La scrittura, coinvolgendo anch’essa circuiti della corteccia prefrontale, interrompe questo meccanismo e riporta la calma necessaria a far funzionare al meglio la memoria procedurale.

Salute e …peggio nun nisse.

Un ratto è un maiale è un cane è un ragazzo

La People for the Ethical Treatment of Animals (PETA) è una organizzazione non-profit a sostegno dei diritti animali.

La PETA concentra i propri sforzi nella lotta a quattro pratiche: l’allevamento intensivo, la vivisezione (o la sperimentazione sugli animali), l’allevamento di animali da pelliccia e l’uso di animali nell’industria del divertimento. Altri sforzi minori sono volti a combattere la pesca, la pratica della disinfestazione (per esempio nei confronti dei ratti), il combattimento di galli e così via.

La filosofia della PETA è così sintetizzata sul sito Web dell’organizzazione:

La PETA crede che agli animali vadano garantiti alcuni diritti fondamentali, e il rispetto dei loro interessi a prescindere da considerazioni di utilità per gli esseri umani. Come voi, gli animali sono capaci di soffrire e hanno scopi nella loro vita; di conseguenza, non sono a nostra disposizione per l’uso come cibo, abbigliamento, divertimento, sperimentazione o per qualsiasi altro scopo.

Il presidente Newkirk ebbe a dire: se parliamo di sensazioni come dolore, paura, fame e sete, un ratto è un maiale è un cane è un ragazzo.

Le opinioni riguardo all’azione della PETA sono molto varie e non mancano voci critiche contro il suo operato. Per esempio è stata accusata di aver ucciso dal 1998 circa 10.000 tra cani, gatti ed animali di compagnia non sofferenti, ma anzi, facilmente adottabili come i cuccioli. Questo triste fenomeno che si è concentrano in alcune contee americane, sembra sia stato giustificato dall’associazione con la mancanza di mezzi e soldi per mantenere gli animali. La PETA è accusata di aver soppresso circa l’85% degli animali ricevuti, mentre altre organizzazioni animaliste americane come le SPCA locali (Society For The Prevention Of Cruelty To Animals International) ne hanno dati in adozione una pari percentuale. Per questa vicenda la PETA è stata quindi accusata di non avere come fine ultimo il benessere degli animali, ma piuttosto il profitto economico dovuto al non doverli accudire e mantenere.

Salute e …peggio nun nisse.

Marcia per la pace Perugia-Assisi

C’è troppa violenza in giro!
C’è troppa violenza e c’è troppa indifferenza. Che è la forma più alta di violenza.
In nome della nostra “pace”, troppo spesso siamo pronti a condonare la violenza sugli altri.
Non possiamo permettere che violenze, egoismo, razzismo, mafie, censure, paure e guerre di ogni genere abbiano il sopravvento!

Non basta parlare di pace. Uno ci deve credere.

E non basta crederci. Uno ci deve lavorare.”

Eleanor Roosevelt

16 maggio 2010

Marcia per la pace Perugia-Assisi

Ore 9.00 – partenza da Perugia, Giardini del Frontone

~ ~ ~


Il 14 e 15 maggio 2010 si svolgerà a Perugia il Forum della Pace. Una grande “Università della pace”. Più di cinquemila giovani, insegnanti, esponenti di gruppi e associazioni, giornalisti e amministratori locali di ogni parte d’Italia s’incontreranno per riscoprire insieme cosa vuol dire “fare pace” dal quartiere all’Onu, riconoscendo le responsabilità di ciascuno, persone, gruppi e istituzioni.
Il Forum della pace sarà una grande occasione di confronto e approfondimento su numerosi temi e problemi: la cittadinanza, la Costituzione, la pace, la guerra e le guerre, la miseria, i diritti umani, la scuola e l’educazione, la televisione, l’informazione, il lavoro, le mafie, l’immigrazione, i nuovi italiani, la nonviolenza, il disarmo, la politica, la terra madre, il clima e l’ambiente, la cultura, la paura, la giustizia, la libertà, l’economia, i beni comuni, l’acqua, la responsabilità, la speranza, l’Italia e il mondo, l’Europa, l’Africa, Israele e la Palestina, l’Afghanistan, l’Iran, l’Iraq, la Colombia, il popolo Saharawi, l’Onu.

IL PROGRAMMA

Venerdì 14 maggio 2010

Ore 8.00
Accoglienza dei partecipanti
Centro Espositivo Rocca Paolina (CERP) – Piazza Italia

Ore 9.30-11.00 “Facciamo pace con la Costituzione” – Sessione plenaria di apertura del Meeting nazionale delle scuole “Cittadinanza e Costituzione” (prima parte)
Sala dei Notari, Palazzo dei Priori, Piazza IV Novembre

Intervengono tra gli altri:
•    Vladimiro Boccali Sindaco di Perugia
•    Marco Vinicio Guasticchi Presidente della Provincia di Perugia
•    Catiuscia Marini Presidente della Regione Umbria
•    Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace
•    Aluisi Tosolini dirigente scolastico Liceo A. Bertolucci Parma
•    Stefania Grasso Responsabile Nazionale Settore Memoria Libera
•    Seiko Ikeda sopravvissuta alla bomba atomica di Hiroshima
•    Luciano Capuccelli, Presidente della Fondazione Aldo Capitini
•    Oliviero Alotto, Presidente Terra del Fuoco
•    danza palestinese dei Jerusalem Youth Parliament
•    Oscar Luigi Scalfaro ex presidente della Repubblica
•    Lettura della Costituzione
•    Maurizio Oliviero, Presidente Adisu

Ore 11.30 – 13.30 Incontro: “Giovani amministratori per la pace e i diritti umani” – seconda riunione della Rete Nazionale dei Giovani amministratori per la pace e i diritti umani
Sala della Vaccara, Palazzo dei Priori, Piazza IV Novembre

Ore 11.30-13.00Facciamo pace con la Costituzione” (seconda parte)
Piazza IV Novembre
•    Francesco Cavalli, Coordinamento nazionale Enti Locali per la pace e i diritti umani
•    rap “I have a dream” di Jet&Incubo, Istituto d’Arte “Magnini” Deruta
•    Luciano Corradini già presidente del gruppo di lavoro ministeriale per l’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione
•    Mons. Flavio Giovenale vescovo di Abaete Tuba Amazzonia
•    Pier Virgilio Dastoli Movimento Federalista Europeo
•    intervento teatrale di Mario Pirovano
•    note di pace della P.Funking Band
•    cantano i bambini della Scuola primaria “Mazzini” di Carbonia
•    Giorgio Bonamente, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Perugia

Ore 13.00-15.00 pausa per il pranzo

Ore 15.00-16.45 Seminario: “Facciamo pace con la scuola
Sala del Consiglio Comunale, Palazzo dei Priori, Corso Vannucci 19
•    Aluisi Tosolini dirigente scolastico Liceo A. Bertolucci Parma
•    Luciano Corradini già presidente del gruppo di lavoro ministeriale per l’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione
•    Marco Mascia Centro diritti umani Padova
•    Giuseppe La Pietra Libera Formazione
•    Patrizia Buffa insegnante del Liceo classico Scipione Maffei di Verona
•    Domenico Pantaleo Segretario generale FLC CGIL
•    Patrizia Bracarda insegnante X Circolo “Osvaldo Turchetti” Perugia

Ore 17.00-18.30 Dibattito: “La TV non distrugga la sera quello che la scuola costruisce la mattina”
Sala del Consiglio Comunale, Palazzo dei Priori, Corso Vannucci 19
•    Aluisi Tosolini dirigente scolastico Liceo A. Bertolucci Parma
•    Roberto Natale presidente della Federazione Nazionale della Stampa Italiana
•    Roberto Morrione presidente della fondazione Libera Informazione
•    Tiziana Ferrario giornalista del TG1
•    Ottavio Olita USIGRAI
•    Santo Della Volpe giornalista TG3

Ore 15.00-18.30 Seminario: “Facciamo pace con l’Africa
Sala dei Notari, Palazzo dei Priori, Piazza IV Novembre
•    Guido Barbera presidente del CIPSI
•    Carlo Pesaresi vicepresidente del Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace
•    Eugenio Melandri coordinatore di Chiama l’Africa
•    Aline Koala ex-Ministro della Cultura, Arti e Turismo, Burkina Faso
•    Hélène Yinda Teologa, Camerun
•    Rosmery Mugwe IPAS Africa Alliance, Kenya
•    Abel Gbetoenonmon Coordinatore Rete dei Giornalisti Economici e Segretario generale Piattaforma degli attori della società civile, Benin
•    Raogo Antoine Sawadogo Ex-Ministro e Presidente dell’associazione Laboratoire Citoyennetés (ACE-RECIT), Burkina Faso
•    Omar Faruk Osman Segretario Generale del National Union of Somali Journalists (NUSOJ), Somalia
•    Ihlam Mahdi Salih Presidente ACO-Ahlam Charity Organization, Sudan
•    Souadou Lagdaf rappresentante popolo Saharawi
•    Isoke Aikopitanyi associazione vittime ed ex vittime della tratta Nigeria
•    Paola Berbeglia presidente di CREA
•    Francesco Russo della Lega Coop
•    Sankara Godefroy Sanka segretario generale MUUDU, Berkina Faso

Ore 15.00-18.30 Seminario: “Facciamo pace con la legalità e la giustizia
Teatro del Pavone, Piazza della Repubblica
•    Tonio Dell’Olio responsabile internazionale di Libera
•    Stefania Grasso Responsabile Nazionale Settore Memoria Libera
•    Gaetano Liardo Libera Informazione
•    Pinuccia Neve Libera Umbria
•    Cynthia Rodriguez giornalista messicana del periodico El Universal

Ore 15.00-18.30
Seminario: “Facciamo pace in Afghanistan
Sala del Consiglio Provinciale, Provincia di Perugia, Piazza Italia 11
•    Emanuele Giordana, direttore di Lettera 22 e fondatore di Afgana.org
•    Najla Ayubi, direttrice programma diritti umani Afgan Women Network
•    Abdul Khalil Narmgui, medico e giornalista afgano

Ore 15.00-18.30
Incontro: “Facciamo pace in Iran
Sala della Vaccara, Palazzo dei Priori, Piazza IV Novembre
•    Bijan Zarmandili giornalista del gruppo L’Espresso/Repubblica
•    Mahmood Amiry-Moghaddam Iraniano Portavoce Human Rights defender
•    Michele Curto Presidente Terra del Fuoco / FLARE
•    Riccardo Noury portavoce della Sezione Italiana di Amnesty International
•    Testimonianze di giovani iraniani rifugiati in Italia

Ore 15.00-18.30 Incontro: “Facciamo pace con la Terra madre
Sala del Dottorato – Logge di San Lorenzo – Piazza IV Novembre 23
•    Raffaella Bolini ARCI
•    Maurizio Gubbiotti Legambiente
•    Mons. Flavio Giovenale vescovo di Abaete Tuba Amazzonia
•    Roberto Savio IPS
•    Luca Mercalli meteorologo
•    Juan Camilo Mira Sànchez rappresentante della comunità colombiana
•    Testimonianze

Ore 15.00 – 18.30
Laboratori riservati alle scuole elementari a cura di Amnesty International, Campagna del Millennio, Forum Trentino per la Pace.
Centro Espositivo Rocca Paolina (CERP) – Piazza Italia

Ore 15.00-18.30
vaLori in corso (Laboratori riservati alle scuole Medie)
Auditorium, Centro Congressi “Aldo Capitini “, Pian della Genna – Viale Centova, 4
1. Il laboratorio della Nonviolenza
2. Il laboratorio della Giustizia
3. Il laboratorio della Libertà
4. Il laboratorio dei Diritti Umani
5. Il laboratorio della Pace
6. Il laboratorio della Responsabilità
7. Il laboratorio della Speranza

Ore 15.00-18.30 vaLori in corso (Laboratori riservati alle scuole Superiori-primo turno)
Facoltà di Lettere e Filosofia, Piazza Morlacchi
1. Il laboratorio della Nonviolenza
2. Il laboratorio della Giustizia
3. Il laboratorio della Libertà
4. Il laboratorio dei Diritti Umani
5. Il laboratorio della Pace
6. Il laboratorio della Responsabilità
7. Il laboratorio della Speranza

Ore 20.30-22.30 Dibattito: “Facciamo pace con la politica
Sala dei Notari, Palazzo dei Priori, Piazza IV Novembre

Intervengono tra gli altri:
•    Michele Curto Presidente FLARE
•    Valentina Zamagna Associazione Il Tassello Mancante di Riccione
•    Giulia Giannoni, Redazione webTV Laprima.tv
•    Rosy Bindi Vicepresidente della Camera e presidente del Partito Democratico
•    Nichi Vendola Presidente della Regione Puglia
•    Giuseppe Parente, Libera
•    Savino Pezzotta Presidente della Rosa per l’Italia
•    Roberto Morrione Presidente della fondazione Libera Informazione
•    Leoluca Orlando Presidente della Commissione Parlamentare d’inchiesta sugli errori in campo sanitario
•    Davide Canavesio imprenditore
•    Monica Usai, UDS
•    Monica Donini vicepresidente del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

Coordina il dibattito: Elisa Marincola RaiNews24

Sabato 15 maggio 2010

Ore 8.00 Accoglienza dei partecipanti
Centro Espositivo Rocca Paolina (CERP) – Piazza Italia

Ore 9.30-13.00 Seminario: “Facciamo pace a Gerusalemme
Sala dei Notari, Palazzo dei Priori, Piazza IV Novembre
•    Sergio Bassoli Piattaforma ONG per il Medio Oriente
•    Eric Salerno giornalista de Il Messaggero
•    Yousef Nasser Sindaco di Birzeit, Palestina
•    Avraham Burg Former Knesset Speaker- ex presidente della Knesset, Israele
•    Shadi Zatara coordinatore del Jerusalem Youth Parliament, Palestina
•    Serin Abu Meizar, Wafa Musa, Andria Jaser, Linda Mussa, Lama Mufatish, Liana Zahran giovani palestinesi del Jerusalem Youth Parliament
•    Gianluca Solera, Fondazione Anna Lindh per il dialogo tra le culture
•    Bana Husseini Harry S. Truman Research Institute for the Advancement of Peace, Palestina
•    Areen Husam Faris Baidoon Comitato di Silwan, Palestina
•    Meir Margalit Icahd-Israeli Committee against house demolition – Comitato israeliano contro le demolizione delle case, Israele
•    Khitam Y. S. Deek Jerusalem Center for Women, Palestina
•    Moly Malekar Bat Shalom, Israele – (Jerusalem Link)
•    Rivka Levi (Israele) Combattents for peace
•    Iyad Burnat Comitato Popolare di Bil’in, Palestina
•    Raz Bar David Veron Anarchici Contro il Muro, Israele
•    Omar A. I. Alnaser (Palestina), Elay Oren (Israele) Parents Circle- Families Forum
•    Johanna El Baz (Israele), Samer Hallak (Palestina), Teresa Yetano Laraudogotia (Spagna) della Madrid Coalition

Ore 9.30-13.00 Seminario: “Facciamo pace con gli immigrati
Sala Consiglio Provinciale, Provincia di Perugia – Piazza Italia
•    Carlo Pesaresi vicepresidente del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani
•    Filippo Miraglia ARCI immigrazione
•    Piero Soldini CGIL
•    Luigi Mughini ASGI
•    Giulio Cederna Associazione Asinitas
•    Valentina Giuliodori Ambasciata dei diritti di Ancona
•    Matteo Menegazzo rappresentante della Rete Tuttiidirittiumanipertutti
•    Luigi Barbieri responsabile del Centro Pace del Comune di Venezia
•    Papanikolaou Maria Theoni Associazione Kinisi Patrasso
•    Kostoulas Charalampos Associazione Solidarity Group Igoumenitsa
•    Dagmawi Ymer rifugiato politico etiope
•    Pape Diaw ARCI
•    Onu in casa. Interverranno i rappresentanti delle comunità migranti presenti in Italia.

Ore 9.30-13.00 Seminario: “Facciamo pace con i poveri
Sala del Consiglio Comunale, Palazzo dei Priori, Corso Vannucci 19
•    Marta Guglielmetti Campagna delle Nazioni Unite per gli Obiettivi del Millennio
•    Leopoldo Grosso Gruppo Abele
•    Mario Sepi Presidente Comitato Economico e Sociale Europeo
•    Nerina Dirindin Università degli Studi di Torino
•    Stefano Cecconi SOS Sanità
•    Charles Abugre Akelyira Campagna delle Nazioni Unite per gli Obiettivi del Millennio, Ghana
•    Abel Gbetoenonmon Coordinatore della Rete dei Giornalisti Economici e Segretario generale della Piattaforma degli attori della società civile, Benin
•    Francesco Petrelli presidente Associazione ONG italiane
•    Massimo Pallotto Caritas Italiana

Ore 9.30-13.00 Incontro: “Facciamo pace con il lavoro
Sala del Dottorato – Logge di San Lorenzo – Piazza IV Novembre 23
•    Giuseppe Iuliano Dipartimento relazioni internazionali CISL
•    Gian Franco Benzi Dipartimento Internazionale CGIL
•    Claudio Treves coordinatore mercato del lavoro CGIL
•    Liliana Ocmin segretaria confederale CISL
•    Marco Massela servizio mercato del lavoro UIL
•    Andrea Olivero presidente ACLI Nazionale
•    Testimonianze dal mondo del lavoro: morte sul lavoro, disoccupazione, precarietà, immigrazione, lavoro nero, sfruttamento,…

Ore 9.30-13.00 Incontro: “Facciamo pace con l’informazione e la cultura
Teatro del Pavone, Piazza della Repubblica
•    Elisa Marincola giornalista di RaiNews24
•    Beppe Giulietti portavoce Articolo 21
•    Andrea Iengo direttore della sede Rai Umbria
•    Luciano Scalettari giornalista Famiglia Cristiana
•    Mascia Musy attrice
•    Roberto Morrione presidente Fondazione Libera Informazione
•    Graziella Bildesheim produttrice del film “Sotto il celio azzurro”
•    Roberto Savio IPS
•    Emanuela Giordano attrice e regista teatrale
•    Ottavio Olita USIGRAI
•    Carlo Gnetti, Rassegna Sindacale
•    Claudio Giovannesi regista del documentario “Fratelli d’Italia”
•    Francesco Butturini preside liceo classico Scipione Maffei di Verona
•    Franco Scaglia Presidente di Rai Cinema
•    Mons. Vincenzo Paglia Presidente della Conferenza Episcopale dell’Umbria

Ore 9.30-11.30 Le 7 piazze dei Valori (Laboratori riservati alle scuole elementari, medie e non solo…)

1. La piazza della Nonviolenza
“Tra le righe” a cura di Centro Danza
Piazza Italia

2. La piazza della Giustizia
“La mia libertà finisce dove inizia la tua” a cura della Compagnia degli Gnomi
Slargo di Via dei Priori

3. La piazza della Libertà
“Creiamo un rap per la pace” a cura della Scuola di Musica LA maggiore
Piazza Morlacchi

4. La piazza dei Diritti Umani
“Non calpestare i nostri diritti” a cura di Hdemiarte
Piazza San Francesco al Prato

5. La piazza della Pace
“I bambini e la pace ” a cura di Tieffeu
Piazza IV Novembre

6. La piazza della Responsabilità
“Il puzzle delle responsabilità” a cura di Psiquadro
Piazza del Circo

7. La piazza della Speranza
“Mostri custodi guardiani della pace” a cura di Umbria Fumetto
Piazza Matteotti

Ore 12.00-13.00 Impronte di pace (nessuna mano è troppo piccola per lasciare un’impronta di pace)
•    Note di pace con il maestro Luciano Basso
Piazza IV Novembre

Ore 9.30-13.00 vaLori in corso (Laboratori riservati alle scuole Superiori secondo turno)
Facoltà di Lettere e Filosofia, Piazza Morlacchi

1. Il laboratorio della Nonviolenza
2. Il laboratorio della Giustizia
3. Il laboratorio della Libertà
4. Il laboratorio dei Diritti Umani
5. Il laboratorio della Pace
6. Il laboratorio della Responsabilità
7. Il laboratorio della Speranza

Ore 13.00-15.00 pausa per il pranzo

Ore 15.00-17.00 Incontro:  Facciamo pace in città – L’impegno degli Enti Locali per la pace e i diritti umani
Sala del Consiglio Provinciale, Provincia di Perugia, Piazza Italia 11

Ore 14:30 – 17:00 Workshop “Il ruolo dell’Unione europea per la pace nel mondo
Sala della Vaccara, Palazzo dei Priori, Piazza IV Novembre

Ore 15.00-16.30
Le 7 piazze dei Valori (seconda parte)

Ore 16.00-17.00
Simba na mende – il leone e lo scarafaggio” – Spettacolo del Koinonia Children Team di Nairobi
Piazza IV Novembre

Ore 17.00-19.00
Facciamo pace con (l’Europa e) il mondo” – Sessione plenaria conclusiva del Forum della pace, del Meeting delle scuole e del Meeting dei giovani
Piazza IV Novembre

•    letture e musica a cura dei bambini della Scuola media di Cascina (PI)
•    Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace
•    don Luigi Ciotti presidente di Libera
•    Corradino Mineo direttore RaiNews24
•    Mario Sepi Presidente Comitato Economico e Sociale Europeo
•    don Antonio Sciortino direttore di Famiglia Cristiana
•    Pier Virgilio Dastoli Movimento Federalista Europeo
•    “Ballata delle donne” a cura della Scuola Media “Fracassetti-Betti” di Fermo
•    Charles Abugre Akelyira Campagna delle Nazioni Unite per gli Obiettivi del Millennio, Ghana
•    Marina Ponti Direttrice per l’Europa delle Nazioni Unite – Campagna per gli Obiettivi del Millennio
•    L’Onu in casa – rappresentanti delle comunità migranti presenti in Italia
•    Note di pace di Luciano Basso e dell’Orchestra Mediterranea
•    esibizione del Coro della Scuola primaria di Terracina
•    spettacolo “Pizzica della pace” a cura dei ragazzi della Scuola Media del 1° Polo di Casarano (LE)
•    esibizione musicale del gruppo “Overseas” del Liceo “Mercalli” di Napoli

Ore 20.30 Legalità in movimento: veglia di riflessione e impegno
Cattedrale di San Lorenzo, Piazza IV Novembre
•    Lirio Abbate inviato de L’Espresso
•    Stefania Grasso Responsabile Nazionale Settore Memoria Libera
•    don Luigi Ciotti Presidente di Libera
•    don Tonio dell’Olio responsabile internazionale di Libera
•    Mons. Gualtiero Bassetti Arcivescovo di Perugia e Città della Pieve
•    Gerardine ‘Ngazari attivista scout burundese

Ore 21.00 La grande Festa dell’Arcobaleno
Concerto dell’Orchestra Mediterranea
Piazza IV Novembre

il programma potrà subire modifiche

www.perlapace.it

Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: