Oggi festa dell’Europa 2013

La festa dell’Europa celebra la pace e l’unità in Europa.

La data è l’anniversario della storica dichiarazione Schuman del 9 maggio 1950, che di fatto rappresenta l’inizio del processo d’integrazione europea. In occasione di un discorso a Parigi, nel 1950, il ministro degli Esteri francese Robert Schuman espose la sua idea di una nuova forma di cooperazione politica per l’Europa, che avrebbe reso impensabile una guerra tra le nazioni europee.

Gran parte dei commissari dell’Unione Europea sono impegnati, ognuno nel proprio paese, in conferenze per ricordare l’importanza del processo d’integrazione europea e la necessità di proseguirlo in futuro, nonostante le difficoltà legate alla crisi economica. Eventi culturali e seminari sono stati organizzati in tutto il mondo dalle delegazioni e dalle rappresentanze dell’Ue.

Anche Perugia e l’Umbria celebrano l’Europa, con quattro giorni (dal 9 al 12 maggio) di mostre, dibattiti, musica e letteratura che hanno come protagonista l’Europa e l’importanza di essere e sentirsi cittadini europei tutti i giorni.


Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

Berlusconi protagonista al ‘The Daily Show’

The Daily Show è un programma televisivo americano di satira, che fa la parodia dei telegiornali e dei programmi di approfondimento politico della televisione statunitense.

Martedì 11 dicembre 2012 Jon Stewart ha condotto una puntata dedicata a Berlusconi: il servizio satirico, tra gustose risate, ha ricordato gli scandali, la corruzione, il Bunga Bunga di cui Berlusconi è stato il protagonista. Sul sito web del The Daily Show è anche riportato che “sei settimane dopo essere stato condannato per frode fiscale, il controverso ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi ha annunciato la sua intenzione di chiedere la rielezione”.

In definitiva ci si chiede come può una persona del genere ricandidarsi un’altra volta? Quale credibilità può avere?

Salute e …peggio nun nisse.

Pump up the volume

Uno studio scientifico francese, dell’università della Bretagna del Sud, nel 2008 aveva analizzato il numero di consumazioni a seconda del volume nel locale. Era stato riscontrato che a 72 decibel i clienti ordinavano in media 2,6 drink e impiegavano 14,5 minuti per finirne uno; alzando gli altoparlanti a 88 decibel percepiti dall’orecchio, i drink diventavano 3,4 e i minuti per finirne uno scendevano a 11,5.
Lo sanno benissimo a New York, dove i volumi dei locali di Manhattan negli ultimi tempi sono sempre sopra ai 90 decibel, ben oltre i livelli registrati nella stessa città per esempio su un treno per pendolari (84 decibel in media).
Più il volume sale e più invoglia a consumare. Ma è stato anche visto che più è alto il ritmo della musica, più si ingurgita il cibo velocemente.
Una ricerca del 1985 citata dal Times della Fairfeld University del Connecticut aveva dimostrato che aumentando il ritmo delle canzoni ascoltate anche solo di mezzo punto, i clienti finivano i loro piatti più velocemente.
Tutta la nostra comprensione per i dipendenti di questi bar e negozi, che sono esposti senza alcuna protezione alle proprie orecchie, anche per 8-10 ore di seguito ai bassi e alle melodie ad altissimo volume.


Salute e …peggio nun nisse.

Evitare gli stimoli esterni durante il pasto

Guardare la televisione durante il pasto e consumarlo in compagnia piuttosto che da soli, può influenzare l’apporto energetico negli adolescenti.


Un recente studio (Mekhmoukh A, Chapelot D, Bellisle F. – Appetite. 2012 Apr 13. [Epub ahead of print]) ha valutato se l’influenza di questi fattori possa variare in funzione del peso corporeo.
Si è visto che, tra i soggetti normopeso, il consumo di alimenti solidi (ma non di bevande) era significativamente maggiore quando il pasto veniva consumato ascoltando la musica rispetto a quando consumato da soli o in gruppo.
Nei soggetti sovrappeso, invece, il consumo di alimenti solidi aumentava maggiormente davanti alla televisione rispetto a quanto il pranzo veniva consumato in gruppo o ascoltando la musica.
Ulteriori studi saranno comunque necessari per verificare se tali stimoli possano avere effetti sul bilancio energetico e sul peso corporeo.

Salute e …peggio nun nisse.

Smarrire il telefonino…

Esther Swilley dell’Università del Kansas ha coordinato uno studio sul tipo di “relazione” che intratteniamo con i nostri cellulari e sulla reazione che si prova nel perderli.
Il telefonino è percepito come un’estensione di noi stessi; è qualcosa di più di uno strumento di comunicazione, così che viene apprezzato non tanto per la possibilità di comunicare con gli altri, quanto per la possibilità di giocare, ascoltare musica, navigare in rete. É il mezzo per rapportarci con l’esterno e gli altri. La gente non lo spegne mai, ci gioca, non sa resistere alla tentazione di mostrarlo per vantarsene.
Pertanto smarrire il telefonino determina un dolore profondo, lascia un senso di solitudine e disperazione.

…!!!

Salute e …peggio nun nisse.

The Playing For Change Foundation

La Playing For Change Foundation vuole collegare il mondo attraverso la musica, fornendo le risorse per i musicisti e le loro comunità in tutto il mondo.
Non avendo l’infrastruttura né il budget per portare tutti i musicisti insieme in un unico luogo si è pensato di collegarli l’uno all’altro attraverso la musica: viene iniziato un brano in un posto, e poi la canzone è parzialmente completata dal musicista successivo in un’altra posizione.

La mission della Playing For Change Foundation è creare un cambiamento sociale positivo attraverso l’educazione musicale, spinta dalla convinzione che la pace e il cambiamento sono possibili attraverso il linguaggio universale della musica.

Offrendo ai bambini un luogo sicuro per imparare, crescere ed esprimersi, viene fornita una alternativa creativa alla pigrizia e alla violenza che molti di questi bambini devono affrontare quotidianamente.

Le scuole di musica sono a beneficio degli studenti e della comunità in cui vivono. Ogni scuola appartiene alla sua comunità locale. Quando possibile, gli strumenti sono realizzati e acquistati da artigiani locali, le lezioni sono tenute da insegnanti locali, e le scuole sono di proprietà e gestiti dai membri della comunità locale.

Playing For Change Foundation

 

 

Salute e …peggio nun nisse.

Roy Orbison

Roy Orbison è morto il 6 dicembre 1988. Da “Oh Pretty Woman” a “Only The Lonely” (e molti, molti altri), Orbison è stato un incredibile talento rock’n’roll.

Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: