Ancora deliri berlusconiani!?

Ieri l’ex premier Silvio Berlusconi ha detto: “…Il grande imbroglio è l’euro. … Considero che uno, due, tre punti di inflazione siano addirittura un lievito per l’economia … ma i tedeschi, la Bundesbank, la signora Merkel hanno dentro, nelle loro radici, il terrore dell’inflazione. … La Germania, paese egemone, dovrebbe essere paese solidale e invece ha rifiutato questa solidarietà. … Se la Germania uscisse dall’euro non sarebbe una tragedia, anzi è una soluzione che molte banche tedesche prendono in considerazione”.

Purtroppo i Tedeschi hanno preso sul serio le uscite amene di Berlusconi ed oggi gli hanno risposto, dandogli così una dimensione politica che in realtà non ha e non ha mai avuto.

Il portavoce della Merkel, Steffen Seibert, oggi a Berlino, ha detto: “Sostenere che l’uscita della Germania dall’eurozona non sarebbe un dramma è assurdo. … Angela Merkel lavora bene e in stretto contatto con il premier Mario Monti. … Il governo tedesco come partner ed amico dell’Italia spera che questo spirito si ritrovi nella politica italiana anche dopo le prossime elezioni parlamentari”.
Anche l’ambasciatore tedesco in Italia, Reinhard Schaefers, è intervenuto dicendo che l’uscita tedesca dall’Euro “sarebbe una tragedia per tutta l’Europa, per noi tutti. … La collaborazione tra la cancelliera Merkel e il primo ministro Monti è ottima. C’è desiderio da parte tedesca che questo spirito di collaborazione e di cooperazione continui”.

Non è più ammissibile che Berlusconi continui ad esporre al ridicolo la Nazione! Ricordiamolo tra qualche mese…

Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

Comico, fino alla fine…

Una squadra composta esclusivamente da tecnici, senza alcun politico, ha promesso fedeltà alla Repubblica, davanti al Capo dello Stato e ottenuto la fiducia al Senato e alla Camera. Dodici ministri sono con portafoglio (tra questi l’Economia, del quale Monti ha l’interim) e cinque senza portafoglio. Tre donne in dicasteri cruciali (Giustizia, Lavoro e Interno).

«Spero che il mio governo ed io potremo contribuire in modo rispettoso a riconciliare maggiormente i cittadini e le istituzioni, i cittadini e la politica», ha detto Monti.

In una nota ufficiale di Palazzo Chigi è stato riportato che “Silvio Berlusconi, ha avuto una conversazione telefonica con il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama“; una telefonata “giunta al termine di una serie di contatti telefonici che il presidente Berlusconi ha avuto con alcuni dei principali leader internazionali: il cancelliere tedesco Merkel, il presidente francese Sarkozy ed i primi ministri della Gran Bretagna Cameron, della turchia Erdogan, di Israele Netanyahu e della russia Putin“. Berlusconi ha poi parlato con il presidente della federazione russa, Dimitri Medvedev, che lo avrebbe “ringraziato come uno dei politici più esperti ed autorevoli del mondo”. In questo giro di saluti, Berlusconi ha chiamato anche un ex potente ormai in pensione, l’ex presidente Usa George W. Bush.

Scusate se rido…

Salute e …peggio nun nisse.

Umiliati e derisi per colpa di B

Nel corso della conferenza stampa congiunta di Angela Merkel e Nicolas Sarkozy al vertice europeo che si è aperto a Bruxelles, alla domanda dei giornalisti: “Siete stati rassicurati da Berlusconi?” i due statisti europei si sono scambiati una occhiata e non sono riusciti a trattenere sorrisi ironici o sarcastici, determinando una reazione ilare in sala stampa.

Questo siparietto è l’inevitabile conseguenza del fatto che noi italiani siamo tristemente rappresentati da un vero pagliaccio: il nostro premier ed il governo da lui presieduto sono diventati una barzelletta internazionale.

Salute e …peggio nun nisse.

«Io voto»

Il 12 e il 13 giugno si voterà su quattro quesiti referendari. Si tratta di referendum abrogativi: si viene dunque chiamati ad abrogare (anche parzialmente) o confermare quattro normative, attualmente in vigore, che riguardano il nucleare, il legittimo impedimento e, due, sulla gestione dei servizi pubblici di rilevanza economica, compresa l’acqua.

Quesito sul nucleare
Il titolo della scheda sul nucleare sarà «abrogazione delle nuove norme che consentono la produzione nel territorio nazionale di energia elettrica nucleare».

Quesito sul legittimo impedimento
Si vuole abrogare la legge sul legittimo impedimento (cioè la possibilità per chi è impegnato in attività di governo, premier e ministri, di non comparire nelle aule di giustizia), dopo la dichiarazione di parziale incostituzionalità della legge da parte della Consulta del gennaio scorso.

Due quesiti sull’acqua
→ il primo, sulla «privatizzazione dell’acqua», riguarda le modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica; → il secondo quesito riguarda la determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. In questo ultimo caso si tratta di una abrogazione parziale della norma.

Anche questa volta il quorum è ad alto rischio: i sondaggi in mano ai partiti parlano di una cifra ancora inferiore al 50 per cento.
No ai partiti in campo: non può essere solo una questione politica. Acqua, aria e legalità non sono né di destra, né di centro, né di sinistra.
Il Garante per le Comunicazioni richiama ancora una volta la Rai per la scarsa visibilità mediatica data ai referendum: l’Agcom ha infatti giudicato largamente insufficiente l’informazione finora fornita agli utenti del servizio pubblico, “inadempiente” rispetto alle regole imposte sulla campagna referendaria dalla Commissione di Vigilanza Rai.

Ancora una volta Famiglia Cristiana lancia un attacco diretto al premier: «Berlusconi immaginava che la Cassazione avrebbe annullato questo referendum. Così non è stato. Un’altra sconfitta che si aggiunge alla disfatta elettorale delle amministrative». Secondo il settimanale cattolico è più che probabile la vittoria dei “si” per tutti e quattro i quesiti, ammesso che la consultazione popolare superi il quorum del 50% più uno dei chiamati alle urne: il che resta naturalmente da vedere.

Intanto la Germania dice addio al nucleare: le centrali verranno fermate tutte entro il 2022. Angela Merkel ha detto che servono vasti sforzi per promuovere le energie rinnovabili, il miglioramento dell’efficienza e la revisione della rete elettrica.
«Ogni giorno di energia nucleare è uno di troppo».

Salute e …peggio nun nisse.

Wikileaks: il re è nudo!


Migliaia di file diffusi da Wikileaks, il sito di Julian Assange, rivelano i dispacci diplomatici con le conversazioni tra Washington e le circa 270 ambasciate e consolati di diversi Paesi del mondo, in cui vengono tracciati, tra l’altro, i profili a volte imbarazzanti dei vari leader mondiali.

Silvio Berlusconi è giudicato «incapace, vanitoso e inefficace», «portavoce di Putin in Europa» e «stanco» per i troppi «festini».

La Russia è «virtualmente uno Stato della mafia», Putin è un «alpha dog», il maschio dominante

Ahmadinejad è «il nuovo Hitler»,

Gheddafi «un ipocondriaco» e «il dittatore più longevo del mondo»

Nicolas Sarkozy «un imperatore nudo»

La cancelliera tedesca Angela Merkel «evita i rischi ed è raramente creativa»

Le reazioni internazionali sono state varie, dai silenzi più o meno imbarazzati alle manifestazioni di solidarietà.

Il presidente del Consiglio avrebbe reagito con una risata.

Secondo il ministro degli Esteri Frattini, invece «le rivelazioni di Wikileaks sono un gioco per distruggere il mondo».

Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, dopo essersi detto convinto che «ci sono ancora tantissime notizie non note», ha aggiunto che «quelle uscite non mi sembrano stravolgenti».

Credo abbia ragione. Niente che già non si sapeva. Però sentirselo dire è un po’ come il bambino che grida: «il re è nudo!»


Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: