La legge NON è uguale per tutti

Alcuni calciatori del Bologna (tra cui Marco Di Vaio, Viviano, Portanova, Mudingayi, Morleo, Adailton), e alcune mogli e fidanzate coinvolte, erano finiti indagati nell’inchiesta della Procura di Bologna sull’abuso di pass per handicap e per residenti in centro.
La Procura si trovò i nomi dei rossoblù per il coinvolgimento di Marilena Molinari, una donna disabile da anni al servizio di numerosi giocatori del Bologna: al permesso «H» della donna risultarono collegate le targhe dei calciatori.
Per tutti c’è stata l’archiviazione definitiva!
Il procuratore aggiunto Giovannini, nella richiesta poi accolta dal gip Alberto Ziroldi, ha giustificato i calciatori perché sono fuori dal mondo, cioè «nel nostro Paese i “moderni gladiatori” e cioè i calciatori vivono in una sorta di bolla immateriale che, salvo rare eccezioni, li mantiene avulsi dal quotidiano, al limite dell’incapacità di badare agli affari correnti di natura burocratica, che affaticano invece ogni persona che non pratica, ad alti livelli, l’arte pedatoria».

Ma non vige la regola che la legge non ammette ignoranza?
Tutti gli italiani dovrebbero conoscere la legislazione del loro Stato e non possono giustificarsi, davanti a un giudice, dicendo: «Ma io non lo sapevo». La legge è legge e va rispettata.

Ma come disse Giovanni Giolitti: «Per i cittadini le leggi si applicano, per gli amici si interpretano, per alcuni si eludono».

Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

Renzo Bossi è un genio?

Le procure di Milano e Napoli, nell’ambito delle inchieste sui conti del Carroccio, hanno sequestrato nella sede milanese della Lega di via Bellerio, un diploma di laurea albanese, in Gestione aziendale della Facoltà di Economia Aziendale, conseguito dall’ex consigliere regionale Renzo Bossi.
Sebbene il corso di laurea (di primo livello) dell’ateneo privato sia di tre anni sarebbe stato conseguito dal figlio di Umberto Bossi in circa un anno: l’iscrizione è del luglio 2009. Il diploma di laurea è stato conseguito il 29 settembre 2010. Avrebbe quindi “bruciato le tappe”, facendo 29 esami in dodici mesi.

Tutti sospettano che il corso sia stato pagato con i fondi della Lega; possibile che non ci sia nessuno che prenda in considerazione le doti del Trota?

Salute e …peggio nun nisse.

Maltempo e polemiche


Mezza Italia paralizzata da neve e ghiaccio; su Roma almeno 40 centimetri di neve. L’abbondante nevicata durata per gran parte della notte ha causato la caduta di numerosi alberi con disagi per chi circola: migliaia di automobilisti intrappolati nelle auto su consolari e strade periferiche; il 75% dei bus sono bloccati.
E infuria la polemica.
Gianni Alemanno questa mattina è intervenuto al programma Omnibus su La7 accusando i servizi meteorologici di non aver saputo prevedere la gravità della situazione meteo («Le previsioni non erano corrette») e pertanto ha chiesto “una commissione di inchiesta perché non c’è un servizio di previsioni adeguato”.
Secondo il responsabile della Protezione Civile, Franco Gabrielli, invece «il sindaco di Roma aveva pienamente compreso la gravità delle previsioni». Inoltre fa sapere che «il Dipartimento della Protezione civile aspetta con fiducia la Commissione di inchiesta, nella quale produrrà tutte le registrazioni del Comitato Operativo che si è svolto nella serata di giovedì 2 febbraio, allargato per l’occasione a Roma Capitale, al quale ha partecipato lo stesso sindaco; dalle registrazioni traspare chiaramente come il sindaco avesse pienamente compreso la situazione previsionale».
Ma il primo cittadino torna all’attacco ai microfoni di SkyTG24: «Qui siamo noi a accusare. Io sto diffondendo il bollettino meteo della protezione civile che parlava di 35 millimetri di neve su Roma giovedì. Non ho niente da nascondere, noi facciamo il massimo che ci è possibile con i nostri mezzi. Se la protezione civile aveva dubbi sulla adeguatezza del sistema anti-neve  della capitale ce li potevano comunicare prima. Io mi sono adeguato  alle loro previsioni».

Vedremo chi ha ragione … Comunque dei politici non mi fido più: sono pieni di parole, arroganti, boriosi, presuntuosi, superbi, e pronti a riversare le colpe sugli altri. Salvo eccezioni!

Salute e …peggio nun nisse.

Giurin giurello

La procura di Milano ha chiuso l’inchiesta Mediatrade-Rti sulle presunte irregolarità nella compravendita di diritti televisivi con l’obiettivo, secondo il pm Fabio De Pasquale, di creare fondi neri. Le persone indagate sono in tutto 12, tra cui, oltre il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il figlio Pier Silvio per suoi incarichi di presidente di Rti e vice presidente di Mediaset, con l’accusa di frode fiscale.

Piersilvio Berlusconi: “Di questi fondi neri non so nulla. Lo giuro sulla testa di mio padre”.

Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: