Da domani mi metto a dieta


L’età media per la prima dieta per una donna sono i 26 anni; le ragioni che la spingono ad iniziare il supplizio dimagrante sono assai fantasiose: il vedersi in una foto (peggio ancora se postata su Facebook) o vedersi specchiata nella vetrina di un negozio, l’irritazione nel sentirsi chiedere se fosse incinta, la rimpatriata fra ex compagni di scuola, il ritorno ad essere single dopo una rottura amorosa, oppure sospettare un tradimento del partner …

È stato calcolato che la maggioranza delle donne si mette a dieta circa 2,7 volte in dodici mesi, e addirittura il 12% arriva fino a 5. Il proposito della dieta però fallisce in media appena dopo 5 settimane, 2 giorni e 43 minuti, anche se una donna su sette, pari al 13%, riesce a resistere per ben 13 settimane e oltre.

Comunque il vero banco di prova non è solo perdere qualche chilo, ma apportare quei piccoli miglioramenti al proprio stile di vita che durino poi negli anni.

Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

É difficile essere obesi

Drew Manning è un personal trainer di Eagle Mountain nello Utah (USA), che vuole sperimentare in prima persona quanto sia difficile perdere perso, e mostrare a tutti come ci si rimette in forma da obesi.
Così a maggio scorso ha iniziato una dieta a base di hamburger, pancakes e corndogs (i classici spiedini di wurstel americani), per ingrassare in 6 mesi il più possibile.

All’inizio dell’impresa pesava 87,5 chilogrammi, per 1,87 metri di altezza, con un girovita di 87 centimetri.

Dopo 23 settimane il suo peso ha raggiunto quasi i 120 chilogrammi e il suo girovita il metro e venti di circonferenza.

Il 5 novembre prossimo potrà iniziare a smaltire nei successivi sei mesi il peso volontariamente accumulato.
Manning ha deciso di monitorare passo dopo passo sul blog del suo sito fit2fat2fit.com come rientrare nel peso forma e restarci per sempre grazie ad una serie di «meal plans» ed esercizi mirati che tutti potranno seguire.

Però quest’esperienza si sta rivelando più complicata del previsto: Manning, da amante della vita all’aria aperta e dei cibi sani si è trasformato in un ammasso di grasso, emotivamente instabile e perennemente arrabbiato con il mondo. Lui stesso ha ammesso che è diventato un uomo triste, senza fiducia in se stesso e depresso, al punto da mettersi quasi a piangere per un nonnulla. Ha ripercussioni negative con le due figlie piccole, alle quali non riesce più a star loro dietro, e con la moglie (il testosterone è ai livelli minimi…). Poi è sempre scontroso e triste, si lamenta in continuazione ed è diventato geloso perchè sua moglie lavora fuori casa. Infine l’eccessivo aumento di peso ha comportato la necessità di rifare il guardaroba nuovo, adatto alla sua taglia XXXL.

Voleva però comprendere meglio quanto sia difficile essere obesi…

Salute e …peggio nun nisse.

Il grasso come il fumo

Una nuova ricerca del Karolinska Institute in Stoccolma, pubblicata sulla rivista British Medical Journal, ha rilevato che l’obesità aumenta dell’82 per cento il rischio di malattie cardiovascolari.
Lo studio, effettuato su oltre un milione di coppie di padri e figli, ha riguardato il collegamento tra l’indice di massa corporea e il rischio di decesso, prendendo le misure dai figli e confrontandole con la salute dei loro genitori, al fine di eliminare eventuali altre influenze che potessero falsare i risultati.

Kamakki Banks, ricercatrice in cardiologia dell’Università del Texas, a Dallas, ha presentato uno studio alle Scientific Sessions dell’American Heart Association a Orlando, in Florida, con il quale ha rilevato che l’aumento dell’obesità tra gli abitanti degli Stati Uniti compensa la rinuncia alla sigaretta sui fattori di rischio cardiovascolare (cioè il rischio globale di andare incontro a un infarto o a un ictus), per cui la curva dell’aspettativa di vita non è destinata a migliorare. Pertanto sul cuore il grasso pesa come il fumo. Secondo Roberto Ferrari, presidente della Società europea di cardiologia, “questo è un fenomeno che in diversa misura si ritrova anche al di qua dell’Atlantico e che paradossalmente non è segno di opulenza ma dell’impoverimento della popolazione. Anche in Italia i maggiori tassi di obesità si trovano nei paesini più poveri e nelle fasce culturalmente più basse”.

Le malattie cardiovascolari sono principalmente conseguenza dell’aterosclerosi, che è una malattia che colpisce la parete delle arterie, causandone un restringimento (stenosi), sino, nei casi più gravi, alla loro occlusione.
Le stenosi possono ostacolare il flusso di sangue (e quindi di ossigeno e sostanze nutritizie) agli organi, soprattutto in condizioni in cui è richiesto un aumento del flusso (come, ad esempio, al cuore in caso di sforzo fisico). Se l’interruzione del flusso di sangue è completa e prolungata causa l’infarto, cioè la morte delle cellule.

Esistono una serie di fattori, detti fattori di rischio cardiovascolare, che ne favoriscono lo sviluppo e le complicanze, aumentando, quindi, il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

I fattori di rischio cardiovascolare possono essere suddivisi in modificabili e non modificabili.

I fattori di rischio non modificabili (su cui, cioè, non possiamo intervenire) comprendono l’età, il sesso maschile e la familiarità per malattie cardiovascolari.

I classici fattori di rischio modificabili (su cui si può intervenire) comprendono l’aumento dei livelli di colesterolo nel sangue (ipercolesterolemia), l’aumento della pressione arteriosa (ipertensione), il diabete, il fumo di sigaretta, l’inattività fisica, l’aumento dei livelli ematici di trigliceridi, l’obesità.
L’eliminazione, o almeno una drastica riduzione, di questi fattori di rischio, da cercare di perseguire già dall’età pediatrica, rappresenta uno dei mezzi più efficaci per ridurre il rischio di sviluppare un infarto o un ictus cerebrale e costituisce l’obiettivo principale della prevenzione delle malattie cardiovascolari.
É pertanto fondamentale uno stile di vita adeguato, con un’attenta alimentazione, che prediliga frutta, verdura e pesce, l’abolizione completa del fumo (due sigarette al giorno raddoppiano il rischio di infarto), una regolare moderata attività fisica (almeno 30 minuti 5 volte a settimana), ed il mantenimento del peso entro limiti ottimali (indice di massa corporea (cioè rapporto tra peso in Kg e quadrato dell’altezza in m
2 inferiore a 25).

Da notare che recentemente è emerso che ancora più importante del contenimento dell’indice di massa corporeo è mantenere la circonferenza del girovita a valori inferiori a 102 cm nell’uomo e a 88 cm nella donna.

Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: