Ma che freddo fa

Oggi è la festività della Candelora, e dovrebbe segnare il passaggio tra l’inverno e la primavera ovvero tra il momento di massimo buio e freddo e quello di risveglio della luce.
Oggi la Chiesa cattolica celebra la presentazione al Tempio di Gesù. È chiamata candelora perché in questo giorno si benedicono le candele, simbolo di Cristo “luce per illuminare le genti”.
La festa è anche detta della Purificazione di Maria, perché, secondo l’usanza ebraica, una donna era considerata impura per un periodo di 40 giorni dopo il parto di un maschio e doveva andare al Tempio per purificarsi: il 2 febbraio cade appunto 40 giorni dopo il 25 dicembre, giorno della nascita di Gesù.

«Quando una donna sarà rimasta incinta e darà alla luce un maschio, sarà immonda per sette giorni; sarà immonda come nel tempo delle sue regole. L’ottavo giorno si circonciderà il bambino. Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione » (Levitico 12,2-4)

Celebre il proverbio della Candelora, di cui esistono numerose versioni e varianti regione per regione:

«La Madonna Candelora
dell’inverno semo fora,
ma se piove o tira vento
dell’inverno semo dentro»
,

ossia all’arrivo della Candelora l’inverno è finito ma, se il tempo quel giorno è brutto l’inverno durerà ancora.

Dal sito http://www.perugiameteo.it/: La prima depressione generata dallo scontro tra l’aria fredda di origine siberiana e il Mediterraneo occidentale ha attraversato rapidamente tutta la penisola portando sull’Umbria nelle ultime 24 ore abbondanti nevicate sopra i 300-500m. … Una seconda depressione è già in formazione sul Mediterraneo occidentale e da giovedì 2 febbraio sarà in ulteriore approfondimento richiamando dall’Europa centrale il nucleo più freddo di aria siberiana che ha ormai raggiunto la Polonia e la Germania. La depressione interesserà sopratutto le regioni centro meridionali italiane portando abbondanti precipitazioni ed un ulteriore abbassamento delle temperature, più significativo al centro-nord, che rimarranno anche di giorno abbondantemente sotto gli zero gradi. Le stesse regioni saranno investite da forti venti nord orientali…

Copriamoci bene: cappotti, giacconi, sciarpe, cappelli, cuffie, guanti…
L’inverno è ancora lungo…

Salute e …peggio nun nisse.

Il freddo continua

Stiamo uscendo dai cosiddetti “giorni della merla”, i più freddi dell’anno, cioè gli ultimi tre giorni di gennaio.

Il nome deriverebbe da una leggenda secondo la quale, per ripararsi dal gran freddo, una merla e i suoi pulcini, in origine bianchi, si rifugiarono dentro un comignolo, dal quale emersero il 1º febbraio, tutti neri a causa della fuliggine. Da quel giorno tutti i merli furono neri.
Secondo la leggenda, se i “giorni della merla” sono freddi, la Primavera sarà bella, se sono caldi la Primavera arriverà in ritardo.
É attesa un’ulteriore diminuzione delle temperature e da questa sera le nevicate si dovrebbero estendere dalle regioni del centro-nord a quelle meridionali, fino a quote basse.

Secondo PerugiaMeteo.it però ”LA FASE FREDDA, A DIFFERENZA DI QUANTO SEGNALATO PRECEDENTEMENTE, NON E’ PIU’ PREVISTA PER I PRIMI GIORNI DELLA PROSSIMA SETTIMANA, SEBBENE FARA’ PIUTTOSTO FREDDO, SPECIE NEI VALORI MINIMI. L’ONDATA DI GELO POTREBBE PERO’ RIPRESENTARSI SULLA NOSTRA REGIONE [Umbria] INTORNO AL 6 FEBBRAIO IN QUANTO LA CIRCOLAZIONE GENERALE DELL’ATMOSFERA SULL’EUROPA E’ ANCORA FAVOREVOLE AD UNA DISCESA DI ARIA FREDDA DALLA RUSSIA VERSO IL MEDITERRANEO.“

La Protezione civile ha già lanciato l’allerta meteo.

Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: