Follia rieleggerlo

Berlusconi all’inizio di giugno disse: «Ad agosto dovremmo andare sul territorio, perciò sono pronto a tornare nelle piazze con il microfono in mano».
Per questo si era messo a ‘studiare’ Beppe Grillo: passava almeno un paio di ore al giorno a visionare i filmati di Grillo e a leggere i testi pubblicati sul suo blog. Ed alla fine ha concluso: «Faccio l’esegesi dei suoi discorsi, ma lui è la mia brutta copia, è meno elegante di me».

Quando pensava di averlo studiato bene ha proclamato: «Vi svelo la pazza idea che ho in mente: cominciamo a stampare leuro noi con la nostra Zecca».
Dopo qualche giorno e dopo le inevitabili polemiche ha detto: «Non credo sia una bestemmia l’ipotesi di uscire dall’euro, così da poter pensare a procedere con una ‘svalutazione competitiva’».
Ed ha aggiunto: «Che cosa si deve fare per uscire da questa spirale di recessione senza fine? Gli altri Stati dovrebbero unirsi ed imporre alla Germania di uscire lei dal sistema dell’euro».

Alle prossime elezioni dovremmo ricordarcelo e cercare di non ripetere lo stesso errore, perché come diceva Albert Einstein «follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi»…

Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

Una delle ossessioni dei giornalisti

Ieri sera alle 20.50 il Mail Online, sito web del quotidiano Daily Mail e il giornale online più letto in Inghilterra, ha pubblicato in home page una versione probabilmente preconfezionata della notizia del corrispondente in Italia Nick Pisa, che annunciava che Raffaele e Amanda erano stati condannati: “Guilty: Amanda Knox looks stunned as appeal against murder conviction is rejected” cioè “Colpevole: Amanda Knox scioccata dal verdetto che respinge l’appello”

L’articolo era completo di dettagli sulle reazioni dell’americana, degli avvocati, delle famiglie e di Perugia alla condanna, con tanto di virgolettati e descrizioni di volti. A indurre nell’errore è stato probabilmente il fatto che all’inizio della lettura del dispositivo il presidente della corte abbia dichiarato colpevoli Knox e Sollecito, ma solo di diffamazione, per calunnia nei confronti di Patrick Lumumba. Solo dopo alcuni minuti l’articolo è stato rimosso.

La velocità è purtroppo una delle “ossessioni” del giornalismo dei nostri tempi. Ha prevalso la fretta e la voglia di battere la concorrenza nella corsa alle ultime notizie. Ma la velocità può prevalere sulla verità e sui fatti?

Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: