In Italia più badanti che dipendenti Asl


I
l centro CERGAS (Centro di Ricerche sulla Gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale) dell’Università Bocconi di Milano ha presentato il ‘Rapporto Oasi 2012‘, resoconto annuale dell’attività di analisi e monitoraggio dei sistemi sanitari nazionale e regionali.

Quello che emerge è un quadro preoccupante, per cui tagliare ulteriormente risorse a un sistema come quello sanitario, già sufficientemente parsimonioso con una spesa inferiore alle medie europee, determinerebbe l’incapacità di soddisfare i bisogni di cura della popolazione.
La politica di razionalizzazione della spesa più che ridurre gli sprechi avrebbe finito per tartassare ancor più i contribuenti, tanto che la spesa privata ha oramai superato il tetto dei 30 miliardi. La salute, l’assistenza e anche le cure non riguardano solo i pazienti ai quali le cure sono destinate, ma anche le famiglie che delle cure e dell’assistenza si fanno carico tanto sotto il profilo umano che materiale.

È significativo il fatto che in Italia ci sono più badanti [774mila] che dipendenti Asl [646 mila]. Inoltre gli italiani sopportano sempre più di tasca propria le spese sanitarie: il 55% paga da sé le visite specialistiche, con la punta massima del 92% per andare dal dentista.

 

Non stupisce il fatto che la maggioranza dei cittadini nel Centro-Sud giudichi inadeguati i servizi offerti dal nostro SSN: 53,5% al Centro e 62,2% al Sud, contro una media Italia del 43,9%.

Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

Uno scudetto fantastico

Dopo gli anni tribolati di Calciopoli e della serie B  la Juventus torna al successo e si aggiudica con una giornata di anticipo il titolo di campione d’Italia.
Quasi all’unanimità è stato ammesso che questo scudetto è meritato (la Juventus è ancora l’unica squadra imbattuta di tutta Europa!), purtuttavia c’è chi continua a dire che la Juventus vince solo se “ruba”. Non c’è niente da fare: nessuno è più sordo di chi non vuol sentire, né più cieco di chi non vuol vedere…
Tanto per conoscenza, sul sito di Sky è riportata una analisi squadra per squadra di tutti i torti subiti per gli errori arbitrali. Quelli subiti dalla Juventus non sono pochi: c’è qualcuno che li ricorda?

Seconda giornata. Juventus-Parma 4-1. Il guardalinee sbandiera un fuorigioco a Matri, che segna la rete del 2-0. La posizione dell’attaccante era regolare, ingiusto annullare. Arbitro: Celi

Settima giornata. Situazione intricata. L’arbitro fischia il fuorigioco di Krasic. Ma prima che il guardalinee sbandieri correttamente, Vidal viene trattenuto appena dentro l’area di rigore. Arbitro: De Marco

Decima giornata. La Juve, ospite dell’Inter a San Siro, conduce 2-1. A 5′ dall’intervallo avrebbe la chance di chiudere il match. L’intervento di Castellazzi su Marchisio è da rigore. Manca anche il rosso al portiere. Arbitro: Rizzoli

Diciassettesima giornata. Lecce-Juventus 0-1. All’11’ del secondo tempo, manca un calcio di rigore alla Juve per un fallo di Oddo su Mirko Vucinic. Arbitro: Bergonzi

Diciottesima giornata. Juventus-Cagliari 1-1. Nella ripresa Matri va giù in area ma viene ammonito per simulazione: l’ex rossoblù accentua la caduta, ma il contatto con Pisano c’è. Poteva starci il rigore. Arbitro: Guida

Ventiduesima giornata. Juventus-Siena 0-0: i bianconeri possono recriminare per un calcio di rigore non dato per un colpo di mano di Vergassola in area

Recupero 21esima giornata. Parma-Juventus 0-0. Nei minuti di recupero della partita Santacroce calcia Pirlo, colpendolo sulle gambe. Rigore netto, che il direttore di gara non concede. Arbitro: Mazzoleni
Sempre nella partita contro il Parma, Babiany atterra Giaccherini, colpendolo in corsa all’interno dell’area: altro rigore non fischiato da Mazzoleni

Venticinquesima giornata. Milan-Juve 1-1. Sull’1-0 l’assistente Romagnoli sbandiera un fuorigioco dubbio su Matri, che segna a gioco fermo. Arbitro: Tagliavento
A Tagliavento sfugge anche il pugno che Mexes rifila a palla lontana a Borriello. L’avesse visto, sarebbe stato rosso diretto

Ventiseiesima giornata. Juventus-Chievo 1-1. Il gol del pareggio di Dramè…non sarebbe dovuto arrivare. Il senegalese, già ammonito, doveva essere espulso per un fallo da giallo nella ripresa. Arbitro: Gervasoni

Ventisettesima giornata. Genoa-Juve 0-0. I bianconeri protestano per il gol annullato a Pepe, che parte sul filo del fuorigioco, ma in posizione regolare. Arbitro: Rizzoli

Penso che sia ora finirla di parlare ancora del gol negato a Muntari!

Altra querelle è sul numero di scudetti vinti dalla Juventus: il direttore generale della Juventus Giuseppe Marotta ha affermato che “è assolutamente lo scudetto numero 30”. Luca Cordero di Montezemolo in effetti ha sottolineato che “i risultati che si ottengono sul campo sono quelli che contano”…

Salute e …peggio nun nisse.

Svolgi regolare attività fisica

Alcuni recenti studi hanno valutato la relazione tra fitness cardiorespiratorio (CRF), cioè la capacità massima di attività aerobica determinata mediante esercizio fisico sul tapis roulant, la percentuale di massa grassa (adiposità) e la mortalità per tumore.

Più di 14000 donne sono state seguite per un periodo di oltre 15 anni, nel quale sono stati rilevati 250 decessi causati da tumori.
Mediamente le donne decedute sono risultate più anziane, fumatrici, con una percentuale più elevata di massa grassa e valori minori di CRF. D’altra parte tra le donne con livelli più elevati di CRF, meno propense al fumo, sono state registrate una ridotta adiposità e una minore prevalenza di ipertensione, infarto del miocardio e diabete.

Dall’analisi dei dati è stato riscontrato un tasso di mortalità significativamente maggiore tra le donne normopeso fisicamente inattive rispetto a quelle normopeso e attive (9,8 vs. 4,1 decessi/10.000 donne all’anno rispettivamente), mentre non è stata osservata alcuna differenza tra le donne attive indipendentemente dal fatto che fossero sovrappeso, obese o normopeso.

Si è visto cioè che alti livelli di fitness cardiorespiratorio sono associati ad una ridotta mortalità per tumore e che, pertanto, le donne sedentarie dovrebbero essere incoraggiate a svolgere regolarmente attività fisica, per lo meno moderata.

Nature.com


Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: