Giornata mondiale vegan

Il 1 novembre si celebra la Giornata mondiale vegan. In Italia secondo il rapporto Eurispes 2011 i vegan sono circa 400 mila.
Rispetto ai vegetariani (4,5-5 milioni in Italia) i vegan hanno una dieta ancora più drastica, visto che esclude anche latte e uova, e modifica lo stile di vita, portando a rinunciare non solo alla pelle, ma anche a lana e piumoni.
Scelgono la dieta vegetariana soprattutto le donne; è molto alta la percentuale di coloro che sono mossi verso la scelta vegan da ideologie animaliste e ambientaliste.
Nell’alimentazione vegana può esserci carenza di vitamina B12, per cui si può ricorrere ai supplementi: per i bambini ne occorrono poche gocce al dì, mentre negli adulti l’integrazione è settimanale.

Il messaggio del World Vegan Day 2012 è “vivere vegan fa bene a te, agli altri umani, agli animali e al pianeta”.

AgireOra spiega in breve, i motivi per diventare vegan:

– tutti gli animali sono esseri senzienti, capaci di provare sensazioni, emozioni, sentimenti. Che siano cani e gatti, o conigli, mucche, galline, maiali, non cambia nulla. Rispettarli significa non ucciderli e non mangiarli.

– per consumo di risorse, carne, pesce, latticini e uova sono i “cibi” più dispendiosi, inefficienti e inquinanti che esistono. La scelta vegan fa risparmiare il 90% delle risorse: terreni, sostanze chimiche, acqua, vegetali, energia; evita la deforestazione, l’inquinamento da deiezioni animali, diminuisce l’effetto serra.

– scegliendo di preparare i nostri pasti con ingredienti vegetali, non rinunciamo a nessun piacere della tavola, abbiamo un’alimentazione più varia e gustosa e una salute migliore, perché possiamo prevenire, e spesso anche curare, le malattie degenerative (malattie cardiovascolari, cancro, diabete, osteoporosi, sovrappeso-obesità).

Anche Animal Equality invita a rifiutare di usare gli animali come cibo, per il vestiario, per l’intrattenimento e per la vivisezione. In questo modo milioni di individui senzienti saranno risparmiati da una vita di sofferenze e da una morte atroce nei luoghi di prigionia come allevamenti, macelli, laboratori, zoo, acquari, circhi, allevamenti per animali da pelliccia o a causa della caccia.

La COOP, prima catena di distribuzione in Italia, ha comunicato di cessare la vendita di foie gras sospendendo gli ordini ed andando fino ad esaurimento delle scorte presenti nei magazzini. In Italia la produzione di foie gras è stata vietata nel 2007 tramite un decreto legislativo che ha definito la pratica dell’alimentazione forzata con il termine ‘tortura’. In Europa il foie gras è ancora prodotto legalmente solo in 5 paesi: Francia, Bulgaria, Spagna, Ungheria e Belgio. La distribuzione è ancora permessa purtroppo nel nostro Paese.

Salute e …peggio nun nisse.

La follia degli allevamenti industriali

É sbagliato e crudele la produzione di carne industrializzata?

L’allevamento intensivo sta provocando enormi danni all’ambiente. Il bestiame utilizza direttamente solo l’1,3% dell’acqua utilizzata in totale in agricoltura. Si deve però considerare l’acqua utilizzata per produrre l’enorme quantità di cibo che gli animali consumano!
Risulta così che un Kg di manzo è stato prodotto impiegando ben 100.000 litri di acqua, a fronte dei 2.000 litri necessari per coltivare 1Kg di soia.
C’è un altro problema. Per l’allevamento si usano grosse quantità di sostanze chimiche (ormoni, antibiotici, fertilizzanti, diserbanti…) che finiscono nelle falde acquifere inquinandole. In Italia, per esempio, nel bacino del Po ogni anno vengono versate 190 mila tonnellate di deiezioni animali contenenti ormoni, antibiotici e metalli pesanti (Roberto Marchesini, “Post-Human”, Bollati Boringhieri).

Alimenti

Litri di acqua x 1kg

patate 500
frumento 900
mais 1.400
riso 1.910
soia 2.000
pollo 3.500
manzo 100.000

L’allevamento degli animali è un’attività fra le più dannose per il suolo. Se in un pascolo ci sono troppi animali questi compattano il suolo con i loro zoccoli e, strappando la vegetazione che tiene assieme il terreno, ne provocano l’erosione.
Intere foreste vengono abbattute per far posto ai pascoli oppure per coltivare mangime per gli animali da allevamento.
Popolazioni intere vengono cacciate dalle loro terre dalle multinazionali produttrici di carne o di mangime.
Le coltivazioni e l’allevamento intensivo aggravano l’effetto di fenomeni come la siccità o le inondazioni, generando il progressivo degrado del suolo che riduce la produttività agricola. Ogni anno circa 12 milioni di ettari di terreni agrari diventano inutilizzabili. Spesso l’impoverimento della terra spinge molte persone ad abbandonare i propri paesi alla ricerca di zone più produttive, diventando dei “rifugiati ambientali”.
Il problema è presente anche in Italia: il 27% circa del territorio è colpito dalla siccità e dalla desertificazione e il 69% è sottoposto a rischio moderato.

Milioni di persone soffrono la fame, ma paradossalmente il cibo sul nostro pianeta non manca affatto: è solo distribuito molto male.
Secondo Rifkin (economista, attivista e saggista statunitense), più di un terzo delle terre coltivabili dell’intero pianeta è utilizzato per produrre cereali per gli animali anziché per gli uomini! Ben 36 dei 40 paesi più poveri del mondo esportano cibo verso gli Stati Uniti e l’Europa. L’Europa importa l’80% dei vegetali per l’allevamento dai paesi del sud del mondo sfruttando così le loro risorse naturali e aggravando ancora di più la loro povertà. (Commissione Europea).
La domanda di carne sta crescendo (ad esempio in Cina) e di conseguenza anche la domanda di cereali per l’allevamento. Suolo e acqua però non sono sufficienti per sostenere questa ulteriore ondata di “mangiatori di carne”. Rifkin ipotizza una crisi alimentare planetaria se non si interviene subito ad invertire la tendenza.

Per molti versi l’eccessivo consumo di carne è una follia.
L’abitudine di mangiare molta carne è un lusso che riguarda ovviamente solo i paesi più ricchi che, per produrla, sottraggono di fatto il cibo ai paesi più poveri.

dal sito web LaRea

Salute e …peggio nun nisse.

Allevamenti intensivi

L’allevamento intensivo o allevamento industriale (factory farming) è una forma di allevamento che utilizza tecniche industriali e scientifiche per ottenere la massima quantità di prodotto al minimo costo e utilizzando il minimo spazio, tipicamente con l’uso di appositi macchinari e farmaci veterinari. La pratica dell’allevamento intensivo è estremamente diffusa in tutti i paesi sviluppati; la gran parte della carne, dei prodotti caseari e delle uova che si acquistano nei supermercati viene prodotta in questo modo.

L’allevamento intensivo in Italia si è diffuso soprattutto a partire dal secondo dopoguerra con lo scopo di soddisfare la crescente richiesta di prodotti di origine animale (in particolare carne, uova e latticini) abbattendone al contempo i costi.

La pratica dell’allevamento intensivo è oggetto di numerose critiche di ordine etico, salustistico e ambientalista.

dal sito web The Meatrix

Molti animalisti sostengono che negli allevamenti intensivi le condizioni di vita degli animali sono sensibilmente peggiori di quelle degli animali allevati in modo tradizionale. I movimenti animalisti hanno attaccato diverse pratiche in uso negli allevamenti, alcune delle quali sono state in seguito rese illegali in alcuni paesi. Per esempio, sono stati denunciati casi in cui gli animali subivano regolarmente amputazioni (come il debeaking, letteralmente “rimozione del becco”), venivano cresciuti in ambienti talmente ristretti da causare atrofia muscolare, erano tenuti al buio per tutta la vita, e via dicendo.

dal sito web The Meatrix

Particolarmente criticato è l’uso eccessivo di antibiotici, per il pericolo del diffondersi di nuove forme di batteri resistenti a tali medicinali, nonché l’eccessivo uso di farmaci volti a indurre lo sviluppo corporeo degli animali (per esempio ormoni).

I rifiuti provenienti da enormi quantità di animali concentrati in aree relativamente piccole causano inquinamento delle falde acquifere, proliferazione di insetti e diffusione di cattivi odori nella zona circostante.

dal sito web The Meatrix

Conoscere i problemi creati dagli allevamenti intensivi può essere scoraggiante, ma con un piccolo sforzo si può rapidamente imparare abbastanza per fare le scelte alimentari più sicure e più sagge.

Il sito The Meatrix offre informazioni sulle questioni relative agli allevamenti intensivi, così come le alternative alla carne, pollame, latticini e uova. Il sito offre anche la Meatrix interattiva a 360°, uno strumento per aiutare le persone a conoscere allevamenti intensivi, con informazioni approfondite sui temi.

Salute e …peggio nun nisse.

Primi passi vegetariani

L’idea di dire no alla carne non è sempre facile da mandare giù. Si può procedere però a piccoli passi. Iniziando a non mangiare la carne qualche giorno alla settimana. Farà comunque bene alla nostra salute e all’ambiente.
Essere vegetariani significa scegliere di salvare tante vite e risparmiare tante sofferenze.

Il non vegetariano spesso si chiede: ma senza la carne, cosa posso mangiare tutti i giorni?

Ecco perciò qualche idea per i menu vegetariani.

Antipasto
Carpaccio di verdure – Torretta di mela e arancia con rucola selvatica – Crostino con crema di fagioli – Fagottini ripieni capperi, pomodorini e olive

Primo
Risotto ai funghi porcini – Lasagnetta ai porri e piselli – Crema di lenticchie – Penne di farro asparagi e scaglie dl mandorle

Secondo
Polpette di ceci – Spiedini di tofu e verdure – Pomodori al forno ai cinque cereali – Seitan al pepe verde

Contorno
Mousse di zucca – Girelle di melanzana ai peperoni – Zucchine alla menta – Tempura di cavolfiori in pastella di ceci

Dolce
Frittelline di polenta e frutta secca – Sorbetto al caffè – Banana al cioccolato croccante con scaglie di cocco – Crumble di mele

Crostino con crema di fagioli

Ingredienti:
250-300 gr di fagioli cannellini lessati
Uno spicchio di aglio
Sale
Olio extra vergine di oliva
Pane integrale tostato

Preparazione:
frullare i fagioli insieme all’olio e il sale fino a farne una crema: versare in una ciotola e aggiungere lo spicchio d’aglio tagliato in due o tre pezzi, mescolare e lasciar riposare almeno un’ora. Togliere l’aglio dalla crema e spalmarla sulle fette di pane. Terminare con un filo d’olio e servire quando il pane è ancora caldo.


Lasagnetta con porri e piselli

Ingredienti per la lasagna:
300 g di lasagne (senza uova)
200 g di piselli surgelati
1 cipolla bianca
Peperoncino
Dado vegetale
Due manciate di funghi secchi
3 porri di medie dimensioni
Olio extra vergine di oliva
Ingredienti per la besciamella:
500 g di latte (di soia)
50 g di farina
30 g di margarina non idrogenata o di soia
Sale
Pepe

Preparazione:
prepara la besciamella come quella tradizionale, usando gli ingredienti descritti. Sminuzzare la cipolla e metterla in un pentolino con 2 cucchiai di olio e il peperoncino.
Quando la cipolla è bionda, versare i piselli, e cuocere a fuoco moderato fino a cottura. In una padella mettere i porri puliti e tagliati a rondelle con un bicchiere di acqua. Coprire e lasciar appassire eventualmente aggiungendo acqua se evapora. Quando saranno appassiti salare, pepare, aggiungere due cucchiai di olio e saltare per un paio di minuti. Mettere a bagno i funghi in acqua calda per qualche minuto, scolarli, sminuzzarli e saltarli in padella con olio, aglio e peperoncino. Lessare la pasta in abbondante acqua salata e scolare. Ungere una teglia di medie dimensioni e cospargere il fondo con un velo di pangrattato. Disporre uno strato di pasta, qualche cucchiaio di besciamella, piselli, funghi, porri e coprire con altra pasta andando avanti fino ad esaurimento ingredienti. Infornare a 200 gradi finché non compare la crosticina dorata in superficie.


Seitan al pepe verde

Ingredienti:
Seitan al naturale (100 gr circa a persona)
Un cucchiaino di pepe verde
Una confezione di panna di soia o d’avena
Mezzo bicchierino di Brandy
Olio o margarina vegetale non idrogenata
Sale

Preparazione:
affettare il seitan in modo da ottenere delle ‘scaloppine’. Sulla superficie delle fettine schiacciare qualche grano di pepe. Farle rosolare da entrambi i lati. Fiammeggiare con il Brandy, quindi unire la panna vegetale stemperata con un po’ d’acqua, altri grani di pepe verde e aggiustare il sale. Far consumare a fuoco lento fino ad ottenere una salsa cremosa, aggiustando eventualmente con ancora un po’ di panna vegetale.


Tempura di cavolfiori misti in pastella di ceci

Ingredienti:
1 tazza di farina di ceci
Tre cavolfiori piccoli misti (ad esempio: bianco, siciliano e romanesco)
Olio extra vergine di oliva
Sale
Pepe
Acqua
Olio per friggere

Preparazione:
lavare i cavolfiori e lessarli in acqua salata. Scolare e lasciar intiepidire. Stemperare la farina di ceci con l’acqua fino od ottenere una consistenza cremosa, piuttosto liquida, agitando bene con uno frusta ed eliminando con un cucchiaio la schiuma che si forma in superficie: salare e lasciar riposare una mezz’ora. In una padella far scaldare abbondante olio per friggere: passare i cavolfiori nella pastella finché non sono ben ricoperti e immergerli nell’olio bollente. Friggere entrambi i lati, scolare, disporre su un piatto e servire.


Crumble di mele

Ingredienti:
6 mele
180 gr di zucchero
150 gr di farina
90 gr di margarina vegetale non idrogenata o di soia
1 bustina di vanillina
Mezzo limone
Opzionali cannella o chiodi di garofano per aromatizzare le mele

Preparazione:
sbucciare le mele eliminando il torsolo e tagliatele a tocchetti. Raccoglierle in una casseruola con qualche cucchiaio di zucchero (50 gr), il succo e la scorza di mezzo limone e la cannella e lasciar cuocere a fiamma moderata per circa 10 minuti. In una ciotola impastare velocemente con le dita la farina con lo zucchero rimanente, un pizzico di sale e la margarina, fino ad avere un composto granuloso. Ungere una pirofila; sul fondo versare le mele e sopra le briciole. Infornare a 200° per circa 30 minuti, fino a quando la superficie sarà dorata. Servire il crumble tiepido.

Buon appetito!

Salute e …peggio nun nisse.

Save the Planet

La carne ci sta consumando e noi ne siamo ignari. Non sappiamo quanto una sola bistecca possa davvero costare. All’ambiente e al nostro corpo.

Meno ossigeno per tutti!
Un ettaro di foresta amazzonica si disbosca in 18 secondi.
Ogni anno viene disboscata un’area di foresta amazzonica grande quanto il Piemonte.
Fino ad oggi si sono persi 621 mila i chilometri quadrati di Amazzonia brasiliana, cioè 2 volte l’Italia o quasi una Francia.
80 milioni di bovini pascolano dove c’era la foresta.

Più fame nel mondo!
Il 33% dell’estensione mondiale dei suoli coltivabili è destinata alla monocoltura per i mangimi.
Le percentuali di cereali e soia prodotti per diventare mangime è rispettivamente del 50% e 90%.
Un ettaro di terreno coltivato con cereali, verdura, frutta e grassi vegetali può sfamare 30 persone.
Una sola bistecca costa al pianeta 17,5 mq di foresta, sono necessari 7,5 chili di cereali, 7.750 litri d’acqua e produce 18 Kg di CO2.
Un ettaro utilizzato per la produzione di uova, latte o carne può sfamare 5-10 persone.

Risorse a secco!
Ogni giorno vengono prelevate 1000 tonnellate di acqua per gli allevamenti.
In un giorno una mucca consuma 200 litri d’acqua.
Per coltivare 1000 chili di cereali serve 1 milione di litri d’acqua.
Per produrre 5 chili di carne necessita tutta l’acqua che consuma una famiglia media americana in un anno.

Ozono addio!
Il 18% delle emissioni totali provocate dagli allevamenti è CO2.
Il 65% delle emissioni del letame sono gli ossidi di azoto, che hanno un potenziale alterante il clima 265 volte maggiore della CO2.
Gli allevamenti con il 64% dell’ammoniaca che producono, hanno un impatto sulle piogge acide e l’eutrofizzazione.
É previsto un aumento della temperatura di 4° nel corso di questo secolo a causa degli allevamenti.

Ti basta scegliere di non mangiare una bistecca (5OO gr.) una volta alla settimana per un anno per salvare 910 mq di foresta, 390 kg di cereali, 403.000 litri d’acqua, 936 Kg di CO2.

da http://www.cambiamenu.it/

Salute e …peggio nun nisse.

Diritti fondamentali anche per gli animali

Pamela Anderson in un annuncio sexy per PETA (People for the Ethical Treatment of Animals) si è fatta fotografare in bikini, marcata come un animale da macello con le diversi parti del corpo segnate come pezzi di carne, mettendo in chiaro che gli esseri umani e gli animali sono composti di parti identiche.

Proprio come gli esseri umani, gli animali sono fatti di carne, sangue e ossa e hanno organi e sensi. Anche gli animali hanno emozioni e personalità uniche, sentono dolore, e creano famiglie e relazioni con altri animali, se viene data loro la possibilità.

Il 97% della fornitura a base di carne statunitense provenie da animali allevati in fabbrica. Gli animali negli allevamenti intensivi sono privati di tutto ciò che è naturale e importante per loro. Essi sono costretti a vivere in posti luridi, in condizioni di sovraffollamento e sono spesso alimentati con una dieta innaturale che include gli antibiotici e altri farmaci. Le malattie si diffondono rapidamente negli allevamenti intensivi; gli animali sono spesso privati dell’assistenza veterinaria e sono costretti a stare nei propri rifiuti. Questi animali hanno una fine dolorosa, presso il macello dove le mucche, i maiali, i polli sono spesso sgozzati e smembrati mentre sono ancora coscienti.


Salute e …peggio nun nisse.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: