Pensierini della sera…

Incapaci?

Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha duramente criticato il disegno di legge sulla sospensione dei processi per le alte cariche pubbliche sugli aspetti che riguardano il capo dello Stato.
Il ddl, ora all’esame della commissione del Senato, dice che la decisione se sospendere o meno un processo penale contro il capo dello Stato sia presa dal Parlamento in seduta comune e a maggioranza semplice. Per Napolitano questa norma, introducendo un controllo politico delle Camere, riduce l’indipendenza del Quirinale, in contrasto con la Costituzione.


Silvio Berlusconi in un’intervista alla Frankfurter Allgemeine Zeitung, ne disconosce la paternità, così come di altre leggi “ad personam”. Ha infatti affermato, non senza scatenare ironia: “Non sono stato io a reclamarle ma i miei alleati a farsene promotori”.

In effetti si sa che Niccolò Ghedini, avvocato e consigliere giuridico di Berlusconi è l’ispiratore delle leggi sulla giustizia del centrodestra (che Angelino Alfano di solito non riesce a far diventare costituzionali)…

Ancore due battute di Berlusconi:

  1. “Nella magistratura abbiamo una corrente che agisce in modo eversivo cercando di procedere contro chi è stato eletto legalmente dal popolo” [è il solito ritornello che ripete da sempre!?!]

  2. “A questo punto, chiederò che quella legge costituzionale venga ritirata”. [OK! Aspettiamo che lo faccia…]

La legge non è uguale per tutti

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi cita il programma Report di Rai 3 per diffamazione, dopo l’ultima puntata sul servizio sulle ville di Antigua di proprietà del premier.

La Gabanelli ha replicato: “Ci difenderemo. La differenza fra me e lui è che se io mi sento diffamata non posso tirare in tribunale lui, mentre lui può tirare in tribunale me”.

Salute e …peggio nun nisse.

Annunci

Berlusconi non è il nostro padrone


Finora l’attività del premier è stata interamente rivolta verso la “politica ad personam”, dove l’interesse di un singolo o di una casta ha avuto la precedenza su tutto il resto.
Inoltre Berlusconi ha una visione proprietaria delle istituzioni e gregaria dei partiti.

Fini si era permesso di dire che il presidente del Consiglio ha “una logica aziendale” e che troppo spesso confonde “garantismo e impunità”.

Berlusconi ha sempre intorno fedelissimi, persone pronte a tutto pur di accontentarlo; non è capace di accettare il pluralismo delle idee e di rispettare la diversità delle opinioni, di inseguire l’interesse collettivo e di valorizzare la democrazia parlamentare, di tutelare i diritti delle persone e i difendere le istituzioni.
Berlusconi si è dichiarato “non più disposto ad accettare il dissenso, un vero partito nel partito” [o la pensi come lui, o sei contro di lui] e di fatto, ha espulso dal partito Fini e i finiani, mettendo in discussione anche il ruolo di Presidente della Camera.

Fini in una conferenza stampa ha ha detto che ”Berlusconi non ha una concezione liberale della democrazia” e ha dettato la sua strategia: “Voteremo tutti i provvedimenti compresi nel programma di maggioranza. Non voteremo i provvedimenti in contrasto con gli interessi del Paese. Il mio compito è garantire l’imparzialità e non quello di fare gli interessi della maggioranza”.

Futuro incerto?

Quello che è certo è che per Berlusconi non ci sarà più nessuna vittoria scontata, nessun altro voto di fiducia garantito.

Salute e …peggio nun nisse.

Tonache rosse?

Durissimo attacco del settimanale cattolico Famiglia Cristiana che nell’editoriale di questa settimana, firmato da Beppe Del Colle, interviene sul caso sollevato dalla nomina a ministro di Aldo Brancher:

“Siamo arrivati al colmo della nomina di un ‘ministro del nulla’, in funzione dell’ennesima legge ‘ad personam‘ per sottrarre i politici alla giustizia, mentre si tradisce la Costituzione sui temi della legge uguale per tutti, della libertà di stampa e dei fini sociali in tema di economia di mercato”.

“Al Parlamento non si chiede di discutere, ma solo di approvare le decisioni del governo; la maggioranza è divisa su tutto, tranne che sull’ossequio devoto (almeno a parole) al capo del governo”. Che differenza con la politica di alcuni anni fa, rimarca il settimanale.

Da Rainews24.it

Salute e …peggio nun nisse.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: